La grande crisi del 21° secolo: democrazie dirottate, propaganda e ribellioni

di JORGE MAJFUD

Il professor Walter Scheidel, nel suo libro The Great Leveler, ha mostrato, in modo più che convincente, che dalla preistoria ai giorni nostri, tutti i sistemi socioeconomici conosciuti dall’umanità tendevano alla disuguaglianza e si sono conclusi in catastrofi globali. Il primo è abbastanza ovvio e lo stiamo vedendo oggi: chi ha potere finanziario ed economico ha infiammato il potere politico, che produce un effetto valanga. I ricchi e le loro corporazioni sono i grandi donatori dei partiti politici e poi scrivono le leggi a loro piacimento. Nel 1971, un classico dei fumetti politici, The Wizard of Id lo riassumeva meglio: “La regola d’oro è che chi ha l’oro fa le regole”.

L’attuale capitalismo corporativo è un’eredità del sistema schiavista: in nome della libertà, dello sfruttamento di coloro che stanno sotto, della concentrazione della ricchezza, della sacralizzazione dei padroni-imprenditori e della demonizzazione dei lavoratori-schiavi.

Nel 2013, il filosofo francese Thomas Piketty ha scritto il suo acclamato libro Il capitale nel ventunesimo secolo in cui sosteneva che, in larga misura, la crescita della disuguaglianza è dovuta al fatto che la ricchezza dei ricchi (basata sullo stock di tutti i beni) è cresciuto più velocemente dell’economia e del reddito degli altri, cioè più velocemente dei salari di coloro che lottano per sopravvivere.

Ma la disuguaglianza non è solo economica; è anche razziale, sessuale, religiosa, ideologica e culturale. Per generazioni, le società hanno dibattuto sul significato della disuguaglianza sociale e se questa sia buona o cattiva. Una delle ipotesi conservatrici (poiché non sono mai arrivate alla categoria delle teorie) si basava sulla giustificazione della disuguaglianza come conseguenza naturale della prosperità. In una tribù o nell’antichità le differenze non erano mai così grandi come nelle nostre (orgogliose) società attuali. Da qui l’idea che (1) la prosperità derivi dalla disuguaglianza o (2) la disuguaglianza sia una conseguenza necessaria e inevitabile della prosperità. “Mai prima d’ora i poveri sono stati meno poveri di oggi”, e per tutto questo dobbiamo ringraziare il capitalismo e i ricchi.

Questa dimostrazione di ignoranza radicale è la bandiera di libertari e neoliberisti, missionari contro l’intervento dei governi (dei loro regolamenti e delle loro tasse) nella vita sociale ed economica dei popoli. Ironia della sorte, hanno come modello ideologico le corporazioni americane, la cui prosperità, come quella europea, è stata costruita sulla schiavitù e sulla forza di brutali interventi imperiali (dei governi e delle loro agenzie segrete) sul resto dell’umanità. Né vedono le corporazioni come dittature come lo erano i feudi nel Medioevo e le repubbliche delle banane più recentemente.

Puri miti. Dove viene mostrato che la prosperità deriva dalla ricchezza accumulata dai ricchi? Perché non vedere che lo sviluppo e la ricchezza sono prodotti dell’umanità, basati sull’esperienza accumulata e sulla conoscenza della storia umana millenaria?

Un altro dogma del mondo di oggi risiede in una lettura errata dello stesso Adam Smith, secondo il quale ogni progresso sociale si basa sull’ambizione e sull’egoismo dell’individuo. Da qui il mito sociale secondo cui progresso e prosperità si basano sull’ambizione degli individui di essere milionari, motivo per cui non c’è bisogno di “punire il successo” con le tasse. Un mito popolare ma a buon mercato, se si considera che tutto il progresso, tutte o quasi tutte le invenzioni tecniche, scientifiche e sociali registrate nella storia (anche nell’era capitalista) sono state fatte da persone che non pensavano a quei dannati soldi.

I miti sociali non vengono dalle persone. Vengono dal potere. Sì, (1) la rivoluzione industriale ha moltiplicato (2) la ricchezza e (3) la disuguaglianza di cento volte, ma non è possibile separare i tre elementi del (4) brutale imperialismo euro-americano. Se il Sudamerica avesse depredato per secoli il resto del mondo, oggi sarebbe un modello di progresso e di sviluppo.

Il fatto che oggi i poveri siano meno poveri di ieri non è una prova dei benefici del capitalismo, poiché l’umanità sta facendo progressi da millenni e tutto a un ritmo accelerato. Nessun progresso tecnico o scientifico non è dovuto al capitalismo o ai capitalisti. I milionari li hanno appena rapiti. L’attuale capitalismo corporativo è un’eredità del sistema schiavista: in nome della libertà, dello sfruttamento di coloro che stanno sotto, della concentrazione della ricchezza, della sacralizzazione dei padroni-imprenditori e della demonizzazione dei lavoratori-schiavi.

In questo momento, il capitalismo non sta portando altro che problemi esistenziali, come (1) la distruzione del pianeta a forza di una crescita basata sul consumo e la distruzione e (2) l’aggravamento delle differenze sociali, che porteranno a maggiori conflitti. Il capitalismo è esausto e la crisi sta nel negare la socializzazione del progresso umano, che sarà inevitabile (dopo il crollo) con la massiccia robotizzazione e lo sviluppo dell’IA.

Suggerire di risolvere il problema della disuguaglianza con le dispense è come combattere un’infezione con l’aspirina. Invece di essere curata, l’infezione aumenta. Il crollo potrebbe essere evitato con un accordo globale, ma se la sanità mentale non fosse una merce rara, non annegheremmo in una crisi ambientale ora. L’alternativa è un collasso globale, una situazione distopica in cui tutte le leggi accettate oggi come dogmi, come il valore del dollaro e della proprietà privata, vengono infrante. Un crollo dove non ci sono vincitori ma una definitiva regressione al medioevo.

Se in una città ci fossero bambini che muoiono di fame e qualcuno si accendesse una sigaretta con una banconota da cento dollari, sarebbe immorale. Bene, questa è la situazione oggi. Vale a dire che siamo nel primo livello di tre:

1) Morale: è immorale che i bambini muoiano di fame in un mondo super ricco e ipertecnologico. I bisogni primari coperti sarebbero il primo passo di una civiltà umanistica.

2) Ingiustizia: Poi, ci sarebbe la discussione dell’ingiustizia di ciò che spetta a ciascuno e in base a quale motivo.

3) Convenienza: una discussione meno rilevante riguarda la necessità o la convenienza dell’iniquità. Per molti di noi, l’equità favorisce lo sviluppo e persino la produzione di ricchezza. La crescita come prerequisito per qualsiasi ridistribuzione è un dogma creato dal potere.

I super ricchi sono i nemici dell’umanità. Non solo rapiscono la ricchezza dal resto dell’umanità, non solo monopolizzano la politica nelle democrazie e nelle dittature, ma le tengono in uno stato di ipnosi attraverso (1) i grandi mezzi di propaganda, (2) i mezzi di distrazione, divertimento tossico e frammentario , e (3) in virtù del fatto di mantenere milioni di altri esseri umani in uno stato di bisogno, come schiavi salariati senza il tempo di pensare che i loro fratelli e vicini non sono i pirati.

Ma gran parte dell’umanità ama, ammira e desidera i super ricchi, come gli schiavi hanno amato i padroni che hanno lanciato loro una pozione alla fine di una giornata estenuante. Il maestro e la pozione furono ricevuti come una benedizione e i ribelli come i demoni che volevano capovolgere il mondo.

Fonte: Common Dreams, 18 Luglio 2022

Un comentario en “La grande crisi del 21° secolo: democrazie dirottate, propaganda e ribellioni

Deja una respuesta

Por favor, inicia sesión con uno de estos métodos para publicar tu comentario:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.